Sul piano del diritto positivo, l’ordinamento riconosce e disciplina (soltanto) le fattispecie del danno patrimoniale (nelle due forme del danno emergente e del lucro cessante: art. 1223 c.c.) e del danno non patrimoniale (art. 2059 c.c.; art. 185 c.p.). Nel procedere all’accertamento e alla quantificazione del danno risarcibile, il giudice di merito deve dunque tenere…

logo-footer

         

WhatsApp chat