Get Adobe Flash player
Cerca nel sito...

La mediazione civile

Il D. Lgs. 5/4/2010 n. 53 ha istituito la mediazione civile, anche se la legge è entrata in vigore in data 31/3/2011.

La mediazione può essere obbligatoria, facoltativa e giudiziale.

E' obbligatoria nelle seguenti materie: 1) condominio; 2) diritti reali; 3) divisioni); 4) successioni ereditarie; 5) patti di famiglia; 6) locazioni; 7) comodato; 8) affitto di azienda; 9) risarcimento del danno derivante da circolazione di veicoli o natanti, da responsabilità medica, da diffamazione con il mezzo della stampa o altro mezzo di pubblicità; 10) contratti assicurativi  finanziari e bancari.

In questi casi il tentativo di conciliazione è condizione di procedibilità del giudizio da eccepirsi o rilevarsi di ufficio non oltre la prima udienza.

Lo svolgimento della mediazione non preclude in ogni caso la concessione dei provvedimenti urgenti e cautelari nè la trascrizione della domanda giudiziale.

Per quanto riguarda le materie del condominio e del risarcimento del danno derivante da circolazione di veicoli o natanti l'obbligatorietà della mediazione è stata rinviata al 31/3/2012.

E' facoltativa perchè chiunque può rivolgersi a un mediatore anzichè a un giudice quando la causa ha ad oggetto diritti disponibili.

La mediazione non è obbligatoria nelle seguenti materie: 1) procedimenti per ingiunzione inclusa l'opposizione; 2) provvedimenti di convalida di licenza o di sfratto fino all'ordinanza di mutamento del rito; 3) procedimenti possessori; 4) procedimenti di opposizione e incidentali di cognizione all'esecuzione forzata; 5) azione civile nel processo penale; 6) procedimenti in camera di consiglio.

E' giudiziale, o demandata, quando è ordinata dal giudice e riguarda i procedimenti pendenti anteriormente all'entrata in vigore della legge.

Il procedimento si svolge davanti a un mediatore, figura istituita presso i c.d. "organismi di mediazione", istituiti presso enti pubblici o totalmente privati.

Il procedimento è a pagamento e le spese sono a carico delle parti, sulla base delle tariffe approvate dagli enti e dura al massimo 4 mesi.

Tutti gli atti del procedimento di mediazione sono esenti da imposte e e bolli e il verbale di conciliazione fino a €. 50.000,00 è esente da tassa da registro.

Qualora la mediazione abbia successo alle parti che hanno corrisposto all'organismo l'indennità di mediazione è riconosciuto un credito di imposta per un valore massimo di €. 500,00.

 

 

 

Approvata l'ennesima riforma del processo civile

Il disegno di legge recante disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività e il processo civile è stato definitivamente approvato dal Senato il 26/5/2009.

Le disposizioni che riguardano il processo civile si applicano ai giudizi instaurati dopo la sua entrata in vigore salvo l'art. 132, (concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione), 345, (divieto di produzione in appello di nuovi documenti), 616, (abrogazione del divieto di impugnazione della sentenza resa a seguito di opposizione all'esecuzione).

Tra le novità più rilevanti: modifica delle norme sull'incompetenza, sulla giurisdizione, (il giudice deve indicare la giurisdizione competente), sulla iltispendenza, connessione e continenza di cause,  (il giudice decide con ordinanza), aumento della competenza del giudice di pace, abbreviazione a tre mesi del termine per la riassunzione, introduzione della procura e della notifica digitale, previsione di regole più severe per la condanna alle spese, modifica del contenuto della citazione, abbreviazione dei termini nelle consulenze tecniche, introduzione della testimonianza scritta, abbreviazione a sei mesi del termine per proporre impugnazione, previsione della inamissibilità del ricorso in cassazione, introduzione di condanna a pena pecuniaria per il ritardo nell'esecuzione degli obblighi di fare o di non fare, e introduzione del nuovo rito del procedimento sommario di cognizione.

Viene anche riformato il concordato e introdotti gli artt. 2668 bis e ter c.c.

Il governo è delegato a ridurre e semplificare ulteriormente il processo civile, contabile, amministrativo e tributario con decreti da emanare entro 2 anni. 

 
Altri articoli...
Ulti Clocks content
Lun--19-Nov--2018