Get Adobe Flash player
Cerca nel sito...

Illegittimo il licenziamento delle lavoratrici madri

La Corte di Giustizia Europea con la sentenza dell' 11/10/2007 si è pronunciata in merito al licenziamento da parte di uno studio di architettura belga nei confronti di una dipendente in congedo per maternità. 

 

La Corte ha stabilito che sono contrarie alla normativa europea le normative nazionali che permettono di notificare una decisione di licenziamento in ragione della gravidanza e/o della nascita di un figlio prima e dopo il parto. Un licenziamento durante tali periodi, infatti, può riguardare solo una donna e costituisce quindi una discriminazione basata sul sesso.

Pertanto gli Stati membri dovranno introdurre nei loro ordinamenti giuridici le misure necessarie per consentire a tutti coloro che si ritengono lesi dalla mancata applicazione del principio della parità di trattamento tra i sessi di far valere i loro diritti per via giudiziaria.

La legge italiana prevede il divieto di licenziamento della lavoratrice dall'inizio della gravidanza e fino al compimento di un anno di età del bambino.

 
Ulti Clocks content
Ven--14-Dic--2018